Stati Generali della Lingua Italiana nel Mondo 2014

 Stati Generali della Lingua Italiana nel Mondo 2014

Si sono tenuti a Firenze, a Palazzo Vecchio e presso il Teatro della Pergola, gli Stati Generali della Lingua Italiana nel Mondo.
L'iniziativa è stata organizzata dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale in collaborazione con MIUR e MIBACT.
I temi trattati vanno dalle nuove sfide e i nuovi strumenti della comunicazione linguistica alle strategie di promozione linguistica per le diverse aree geografiche e per i Paesi prioritari, dal ruolo delle Università con particolare attenzione alle cattedre di italianistica al ruolo degli italofoni e delle comunità italiane all'estero ed alla gestione e gli strumenti della promozione della lingua italiana.
 
Martedì 21 Ottobre 2014 Italian in Italy ha preso parte  ai lavori del Gruppo 2 sulle seguenti tematiche:
LE STRATEGIE DI PROMOZIONE LINGUISTICA PER LE DIVERSE AREE GEOGRAFICHEE PER PAESI PRIORITARI (Mediterraneo, Cina, USA, America Latina)
 
Coordinatore:
Isabella Camera d’Afflitto (Università Roma La Sapienza)
 
Referenti Farnesina:
Davide Scalmani, Dirigente per la Promozione Culturale
Elena Macarra, Docente
 
Componenti:
UNINETTUNO - Maria Garito, Rettrice
Università Ca’ Foscari (ITALS) - Paolo Balboni, Fabio Caon
Università Stranieri PERUGIA - Roberto Dolci
Università Stranieri SIENA - Massimo Vedovelli
UNITALIA - Alberto Ortolani, Presidente
ICoN - Silvana Mangione, Coordinatrice delle attività negli Stati Uniti
Università degli Studi Milano - Danilo Manera
Associazione Italian in Italy - Pina Foti, Presidente
Gli spunti di riflessione:
1) In considerazione dell’approccio diversificato nei confronti delle diverse matrici
linguistiche, come incide sulla diffusione della lingua italiana il confronto culturale?
2) L’offerta linguistica deve adeguarsi agli interessi degli studenti locali. Come può
consentire sbocchi nel mondo del lavoro? Quale il ruolo delle imprese?
3) All’interno delle politiche locali per la diffusione delle lingue straniere come si
inserisce l’azione italiana? Quale spazio può ragionevolmente occupare?
4) Borse di studio e scambi giovanili: come adeguare l’offerta alle nuove sfide.